TRE VEGGIE DA BURGER WAVE A MILANO

Burger Wave

Le burgerie vanno sempre più di moda in Italia tanto che si stanno moltiplicando a vista d’occhio; ma quante offrono dei buoni veggie burger?
A Milano la migliore proposta – almeno fino ad ora – ce la dà Burger Wave con ben tre ricchissimi veggie burgers: il Virgin (burger di soia, barbabietole, formaggio, guacamole, insalata, relish di pomodoro e mayo alle erbe), il Mighty Greens (burger di verdure, pesto, peperoni, formaggio, insalata e mayo alle erbe) e l’Easy Peasy (burger di ceci, peperoni alla piastra, salsa tzatziki, insalata e relish di pomodoro).

Il Virgin che ho assaggiato era delizioso: pane morbido dentro e croccantino fuori, guacamole divina, burger saporito e mayo alle erbe – di sicura produzione casalinga – davvero superlativa. Le patate, che sono da ordinare separatamente, erano fragranti e ben cotte.
Tutti i veg burger si possono richiedere anche in versione vegana, ovvero senza le salse e il formaggio.

Per finire, gentilissimo il personale e molto brioso il locale, che si trova sui Navigli, ma che vuole ricordare lo stile australiano con tavole da surf e skateboard sparpagliati di qua e di là. Burger Wave prende ispirazione proprio dalle burgerie australiane che sono il luogo preferito dai surfisti affamati dopo una movimentata giornata sulle onde.

I prezzi sono incredibili: 6 euro al massimo per i veg burger e 2 euro e 50 per le patate.

Anche se Milano non sarà mai il set di Point Break, regalatevi un’ondata di piacere da Burger Wave!

Indirizzo: Via Ascanio Sforza, 47, Milano
Tel: 02 36560461 
Il sito di Burger Wave: http://www.burgerwave.it/ 

OSTERIA DEL BARATTOLO – BOLOGNA

UPDATE L’OSTERIA DEL BARATTOLO HA RIAPERTO IN BORGO DI SAN PIETRO 26 MA NON ABBIAMO ANCORA PROVATO LA CUCINA.

Osteria del Barattolo

La zona universitaria di Bologna è sempre più vivace e capita di frequente di imbattersi in un happening allo Spazio Elastico o in un live di Musica Sigillata al Rubik Caffè. Proprio tra questi due locali fino a qualche anno fa avreste trovato il Contavalli, un pub molto amato dagli studenti, soprattutto dai giovanissimi. Ora che  la gestione è cambiata, al posto del Contavalli, è nato Il Barattolo. L’ho provato qualche sera fa incuriosita dalla lavagnetta esposta all’esterno che riportava un interessante menù, quasi integralmente vegetariano.

All’interno, l’ingombrante e cupo arredamento da pub è stato mitigato da tavoli e seggiole colorate. A rendere l’ambiente più accogliente, allegro e vagamente gay friendly, sono anche i numerosi quadri e illustrazioni a tema che tappezzano le pareti.

Il menù potrebbe far venire le lacrime agli occhi a ogni vegetariano che per anni è stato bistrattato con insalatone e panini caprese. Qui troverete infatti piatti unici vegetariani e vegani (cous cous con verdure, scaloppine di seitan, insalata), friselle con friggitelli alle quali si possono abbinare affettati vegani e anche formaggi, selezionati con cura e prodotti con caglio vegetale.
Avendo già abusato dell’aperitivo in un altro locale, per fare comunque uno spuntino sfizioso, abbiamo optato per il veg hot dog (veg wurstel, senape, cipolla, formaggio veg), il veg burger e il piatto di affettati vegetali (e dopo aver assaggiato anche questi, confermo di non essere una loro fan). Si mangia su tovagliette di carta, e ogni aspetto, dal servizio all’atmosfera generale, è molto informale. Insomma, non lo consiglierei per il pranzo domenicale di famiglia, ma più che volentieri per una cena fra amici che si prolunga in birre fino a tardi (è aperto fino alle 2).

Tornerò all’Osteria del Barattolo per assaggiare i piatti unici e i secondi a base di seitan, intanto posso dire che l’impressione iniziale è stata buona.
Dimenticavo, i prezzi sono contenuti: hot dog e veg burger 5 euro, piatti unici 13 euro, frise 6 euro, secondi dai 7 ai 10 euro.

Indirizzo: Via delle Belle Arti,2, Bologna
Orari e apertura da confermare
Telefono: 328 857 1529

FRAM CAFE’ – BOLOGNA

Fram

Il Fram è un posto così carino e delizioso che sembra uscito direttamente dal favoloso mondo di Amélie. E’ posizionato in Via Rialto, proprio di fronte all’omonimo cinema, ed è gestito da mamma e figlia che lo hanno accuratamente arredato con oggetti provenienti dai mercatini dell’antiquariato quali sedie in ferro battuto, tavolini in legno, poltroncine, cartoline e manifesti degli anni 60.

Ci sono stata qualche mattina fa: per colazione ho ordinato del pane di kamut con margarina e marmellata biologica e un cappuccino classico (è però possibile richiedere la versione con latte di soia). Ci sono anche brioches bio di kamut, brioches salate di farro e semi di zucca e girasole. Essendo rimasta poi tutta la mattina a leggere – a disposizione dei clienti ci sono diversi quotidiani e la rivista l’Internazionale – all’ora di pranzo ho provato un panino vegetariano. La gentilissima Elena mi ha chiesto con quali ingredienti lo volessi e oltre all’hamburger veg l’ho fatto farcire con rucola, pomodoro e formaggio. Ogni giorno, troverete anche delle torte salate (verdure, zucca e pecorino..) e dolci. New entry è la torta ‘maisotta’ che viene prodotta senza glutine, ottima, anche se io ho un debole per la tenerina.

Simbolo del Fram è  una gabbiettina per uccelli appesa al muro di una parete, ma scordatevi di trovare dei volatili, al suo interno ci sono i bigliettini con i desideri dei clienti. Io non ne ho mai espresso uno, ma se proprio dovessi sarebbe egoisticamente questo “Visto che ora lavoro e non riesco più a venirci spesso, qualche volta mi piacerebbe trovare il Fram aperto nel week end. Sarebbe un regalo bellissimo mangiare una buona fetta di torta sorseggiando un tè in una domenica pomeriggio d’inverno”.

I prezzi sono contenuti: i panini costano circa 5 euro e le torte dai 2,80 ai 3,50 euro.

Indirizzo: Via Rialto, 22/c – Bologna
Aperto dal lunedì al venerdì

MINIGUIDA RISTORANTI BERLINO

Eccomi di ritorno da Berlino. Città assolutamente magnifica e paradiso culinario per ogni vegetariano/vegano. Come potrete intuire ho praticamente fatto 5-6 pasti al giorno visto che le tentazioni erano troppe!

Inizio con una carrellata di posti che ho provato e che vi consiglio:

W-Der Imbiss

W-Der Imbiss

W-Der Imbiss non è un vero e proprio ristorante bensì un chioschetto con cucina fusion vegetariana nell’alternativa Kastanienalle nel quartiere di Prenzlauenberg.
Burritos, tortilla vegetariane e soprattutto la pizza naan (pasta pane indiana cotta nel forno tandoor e farcita a piacere) sono le spiecialità del locale. I prezzi sono bassi: di un burritos, una pizza naan e 4 birre abbiamo pagato 20 euro.
D’estate ci si può sedere anche fuori ma attenzione alle vespe che sono un vero e proprio tormento a Berlino.

Indirizzo: Kastanienalle 49, 10119 Berlino

Fleischmöbel

Fleischmöbel

Vicino a W-Der Imbiss c’è il Fleischmöbel, caffetteria dall’atmosfera retro che adoro. Ideale per la colazione ma anche per passarci un intero pomeriggio a chiacchierare o a leggere un libro. La torta al cioccolato che ho assaggiato era sensazionale. Ho visto che alcuni vicini di tavolo avevano ordinato dei panini veg dall’aspetto davvero invitante.

Indirizzo: Fleischmöbel, Oderberger Straße 2. 10435 Berlin

Babel

Ritornando in Kastanienalle s’incontra il libanese Babel dove, a detta di molti, si trovano tra i migliori falafel di Berlino. Il locale è spartano e sempre gremito di gente, ma essendo il servizio molto veloce un posticino lo si trova sempre. Anche qui porizioni abbondanti e prezzi bassi. Consiglio il piatto falafel (6 euro) accompagnato da verdure tra le quali la rapa rossa, rucola e melanzane (cotte bene).

Indirizzo:  Kastanienallee 33, 10435 Berlin

Cafe Morgenrot

Ultimo posto che vi segnalo in Kastanienallee è il Cafe Morgenrot. Vegan friendly, da andarci soprattutto nel week end  e per il brunch della domenica dove con massimo 8 euro si mangia tofu strapazzato, zuppe vegane, quiche, torte vegane, cereali, yogurt, pudding e molto altro. Fanno anche il cappuccino vegano!

Indirizzo: Kastanienallee 85, Berlino

Kreuzburger


Kreuzburger

Non sono particolarmente amante del junk food ma ogni tanto ci sta; questa premessa perchè nel cuore di Kreuzberg in Oraniendtrasse si trova il Kreuzburger. Oltre ai soliti hamburger di carne ha una vasta lista di veg burger. Ne ho assaggiato uno con l’impasto di cavoli notevole. Oltre a quello, ce n’erano almeno altri 6 (impasto di spinaci, di seitan, di verdure miste piccanti..)
Di un veg burger,  patate fritte, acqua e coca cola 7.90 euro.

Indirizzo: Oranienstraße 190 10999 Berlin

Yoyo

Yoyo

Altro fast-food veg è Yoyo. Pare sia il primo ad essere stato aperto a Berlino ed è frequentato da una clientela piuttosto giovane e hardcore. Devo dire che il servizio non è stato molto cortese e il cibo è tutto eccessivamente troppo fritto per i miei gusti.

Indirizzo:  Gärtnerstrasse 27, 10245 Berlin

Hot Dog Soup

Hot Dog Soup

Concludo la rassegna junk food con l’hot dog. Non potevo andarmene da Berlino senza mangiarne uno con senape, cetriolini e crauti! Ho trovato a Friedrichshain Hot Dog Soup che oltre alle zuppe fresche servite con pane biologico (3 euro) propone dei buonissimi hot dog di wurstel vegani e vegetariani a 2 euro.  Consigliato!

Indirizzo: Grünberger Straße 67, 10245 Berlin

Soluna Brot und Öl

Soluna Brot und Öl

Soluna Brot und Öl è un bakery nel quartiere di Kreuzberg. Producono circa 30 varianti di pane biologico cotto nel forno situato proprio all’interno del locale (questo il motivo del clima equatoriale che si trova non appena si varca la soglia dell’ingresso). Si può fare colazione con caffè/cappuccino, torte che partono da 1.50 euro o scegliere il classico pane burro e marmellata. Io ho fatto uno spuntino: pane con rape rosse, mele e formaggio. (2 euro)
Si possono anche comprare dei piccoli panini farciti con dei pesti (ho assaggiato quello di pomodoro ed era ottimo).

Indirizzo: Gneisenaustrasse 58, Berlin
Aperto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 19.30 e il sabato dalle 7.30 alle 16.00.

Seerose

Seerose è un self service vegetariano che ho trovato in diverse veg-guide. Non avevo particolare fame e mi sono dissetata con un buon succo di frutta alla pesca e mango ma ho passato diversi minuti ad osservare le persone che invece mangiavano: i piatti sono di due misure, o piccoli – a 4,40 euro – o grandi – a 5.50 euro . Le verdure e i primi sono tutti esposti nella vetrata all’entrata. Non so, sinceramente non mi ha fatto una buona impressione, sono abbastanza dubbiosa della qualità di tortelli, pasta o lasagne in un self service. Ma a parte il mio pregiudizio, se qualcuno ha testato qualche piatto vi prego di raccontarmi com’è stata l’esperienza.
Di 3 centrifugati e 1 succo abbiamo speso 9 euro.

Indirizzo: Mehringdamm 47, 10961 Berlin

Amour Fou

Amour Fou

Avete voglia di dolci? Gironzolando con la bici mi sono imbattuta in una vietta a Kreuzberg davvero graziosa e costellata di locali che approfittando del buon tempo avevano posizionato dei tavolini sul marciapiede esterno. Uno di questi è Amour Fou la cui specialità sono, appunto, i dolci. Ne ho assaggiati 3, due al cioccolato e uno con pasta frolla, crema e frutti di bosco. Niente male, buoni anche i cookies comprati per la colazione del giorno dopo.
4 fette di torte, due acque, un espresso, una coca cola, 4 coockies 21 euro

Indirizzo: Grimmstraße 24, 10967 Berlin, Germania

Dada Falafel

Dada Falafel

Nel quartiere Mitte davanti al famoso centro sociale Tacheles c’è un altro locale dove mangiare falafel, il Dada Falafel. A compensare il microscopico spazio dove prendere il take away c’è una spaziosa sala raggiungibile direttamente dalla strada. Quando entrerete vi sembrerà impossibile che si tratti dello stesso locale, ma lo è. Avete presente quei locali lounge con arredamento minimal e musica da Cafè del Mar che si trovano in Italia e che niente hanno a che vedere con un kebabbaro? Ecco, la sala è proprio così.
Qui abbiamo ordinato dei piatti misti vegetariani composti da halloumi, falafel, salsa di melanzane, involtino ripieno di menta, salsa di yogurt e al limone, cereali con verdure, insalata normale e di prezzemolo. Con 2 birre, un acqua, 1  coca cola e un the alla menta abbiamo speso 9 euro a testa.

Indirizzo: Linienstraße 132, 10115 Berlin

Smart Deli

Smart Deli

Non molto lontano da Dada trovate Smart Deli, il mio giapponese preferito tra quelli provati a Berlino. All’interno del menù moltissimi piatti sono vegani e vegetariani (anche qui, le etichette del menù e dei box take away sono molto chiare).
8 rolls di avocado costano 3.50, il miso 2 euro, il porrige di riso semplice 3.50 euro mentre per i topping a scelta (prugne umoboshi, funghi, alghe kombu) si devono aggiungere 1.50 euro. I noodles con verdure costano 5 euro.

Indirizzo: Chausseestraße 5 10115, Berlin

Kjosk

Kjosk

Infine se volete rilassarvi mangiando un po’ di frutta fresca, bere una birra o fare una partita a ping pong vi consiglio di andare al Kjosk. In un parco in Orienstrasse hanno infatti creato una vera e propria oasi urbana nella quale un vecchio autobus a due piani funge da caffetteria e installati qua e là ci sono dei tavolini con ombrelloni annessi.

Indirizzo: Oranienstraße 1 / 10999 Berlin

White Trash

Unico posto che mi sento di sconsigliare è il White Trash dove ogni piatto veg aveva alla base gli stessi 4 ingredienti (guacamole non fresca, jalapenos, salsa chili e salsa di formaggio).