UN POSTO A MILANO (CASCINA CUCCAGNA) – MILANO

Un posto a Milano

Negli ultimi mesi uno dei ristoranti più chiacchierati di Milano è sicuramente Un Posto a Milano. Ho letto numerosi articoli che parlavano della sua atmosfera radical chic, dell’ottimo cibo servito e di quanto fosse stato apprezzato il recente intervento di restauro dello stabile del 1700 (nato come cascina il Torchio dove si coltivavano le piante officinali del l’Ospedale Maggiore) del quale fa parte il ristorante. Il complesso della cascina agricola si presenta ora come un meraviglioso spazio polifunzionale dove l’arredamento vintage si sposa perfettamente con i soffitti altissimi, le travi a vista e i mattoncini rossi delle pareti tipici di quel tipo di stabile. Di fianco alla cascina uno spazio verde molto curato e poco più in là il trambusto di Porta Romana. Fin qui tutto meraviglioso.

Quello che mi ha lasciata parzialmente insoddisfatta è il menù dello chef Nicola Cavallaro.
Come antipasto abbiamo ordinato dei taglieri misti che comprendevano dei buoni formaggi, delle ciotoline di pomodorini e Mozzarella di Bufala (dell’azienda Amozzarella) con erbe fini e delle sfiziose polpette di melanzane e patate. Erano presenti in carta anche una zuppa fredda di pomodoro con crostini e un‘insalata di foglie e verdure che non ho assaggiato.
Tra i primi piatti vegetariani si poteva scegliere tra dei Rigatoni fatti in Cascina ai cinque tipi di pomodoro, e degli Spaghetti aglio olio e peperoncino. E proprio nei primi, a mio avviso, il punto debole. Nessun pregiudizio contro la cucina semplice e tradizionale, ma non riesco ad ammettere che in un ristorante venga proposta una pasta al pomodoro o un’aglio e olio, anche fosse la più buona al mondo.

Per secondo ho invece ordinato uno sformatino caldo di formaggio di capra con nocciole e mandorle delle Langhe guarnito con zucchine e asparagi. Decisamente godurioso per il palato.

Pane e dolci, che non ho assaggiato, sono fatti in casa e visto che le ricette sono pensate sulla base dei migliori prodotti stagionali del territorio (qui potete consultare lista di tutti i produttori), penso che riproverò la cucina diretta da Cavallaro in un’altra stagione, sperando di trovare dei primi un tantino più ricercati.

Interessante in fine l’aperitivo dove si possono prendere, a mo’ di cicchetti veneziani, dei piattini di farro, cous cous, focaccia, polpette e tutto quello che offre la casa in quel giorno, ad una manciata di euro ciascuno.

Prezzo: 27 euro a testa per antipasto misto, un secondo, un bicchiere di Prosecco e una bottiglia di Sauvignon Basarico Adriano delle Langhe.

Indirizzo: Via Cuccagna, 2 Milano Angolo Via Muratori
Telefono:02.5457785
Sito internet di Un Posto a Milano: http://unpostoamilano.it/  (bel sito dove potete tracciare e scoprire quanto distano da Milano i prodotti utilizzati nelle ricette )