Guest post: Chiara Ridolfi – The Coffee Box a Padova per un veg snack!

coffee

The  Coffee Box

The Coffee Box a Padova per me è come una seconda casetta.
E’ un nuovo caffè in stile americano che ha aperto da poco in Via Altinate, nato dall’idea del designer e art director Antonello Carrossa.
All’inizio doveva essere itinerante con un trike, bici a tre ruote, con il cassone per portare il caffè americano in zone strategiche di Padova; poi i ragazzi del The Coffee Box hanno trovato questo spazio molto centrale di cui si sono innamorati.
Vado spesso a lavorare lì a computer nel piano superiore, che chiamo coworking Coffee Box, mentre sorseggio una limonata o pranzo con un bagel.
Gli interni sono curatissimi e il mio punto preferito è il divano da chiacchiere con le amiche, appoggiato alla parete dipinta con il rullo decorativo coi cervi. E’ delizioso raccontarsi gli ultimi gossip mangiando un muffin chocolate cheesecake e bevendo un caffè americano al caramello.
Giornalmente ci sono anche opzioni vegetariane per la pausa pranzo come le insalate espresse anche con i semini (zucca, girasole, lino), bagel farciti o sandwich, quello con l’avocado è proprio squisito. Quest’inverno ci saranno anche le zuppe! In questi giorni bollenti mi rinfresco con le limonate come quella alla banana verde o all’arancia e anguria che adoro. Per la merenda si trovano snack salati e pasticceria gluten free e vegan e succhi bio e smoothie Mysmoo come quello al cavolo nero. Faccio sempre volentieri una pausa anche con una birra artigianale e patatine Tyrrell’s alla salsa worcestershire.

Quando ordino il caffè, posso sempre scegliere la tazza che preferisco, è un rito che adoro. La vita è troppo breve per bere caffè da una tazza che non ci piace.

(Chiara Ridolfi collabora con Toast Zine, Micibo e MYAU zine)

Pagina Facebook di The Coffee Box: https://www.facebook.com/thecoffeeboxita?ref=ts&fref=ts
Indirizzo: via Altinate, 37Padova
Telefono: 392 741 6034

AGRITURISMO CA’ ALLEATA – SAN STINO DI LIVENZA (VE)

UPDATE: mi dicono che non fanno più paste fatte in casa e che il locale chiuderà per un tempo indefinito dopo l’estate. Peccato.

Cà Alleata

Un paio di anni fa il mio rifugio culinario in Veneto ha improvvisamente chiuso lasciandomi orfana di buone cene vegetariane il venerdì sera. Si trattava di un’osteria nella dispersa località di Senzielli, dove si potevano gustare genuini piatti di specialità venete. Da allora non ho più trovato ristoranti in cui mangiare dignitosamente portate vegetariane nel raggio di 10 km da casa.

Fortunatamente quest’anno, nella campagna di San Gaetano – a una manciata di km da Caorle – è venuto in soccorso l’agriturismo Ca’ Alleata, un centro polisportivo che include anche un ristorante.

Come molti vegetariani sapranno, solitamente è difficile mangiare bene in un agriturismo veneto; spesso mi sono sentita rispondere “per voi non abbiamo niente” o “vedremo se è possibile fare un piatto di verdure grigliate”. Dimenticatevi tutto ciò: quando ho telefonato a Cà Alleata per prenotare, non solo mi è stato detto che non c’erano assolutamente problemi, ma che a richiesta, avrei potuto avere anche piatti vegani.

Quindi, prima di tutto, vi consiglio di prenotare e specificare che siete vegetariani o vegani.

Veniamo a quanto ho assaggiato nelle due volte in cui sono stata lì:

Antipasto di ricottine (salate e affumicate) accompagnato da pane e grissini prodotti artigianalmente. Una torta salata di pasta sfoglia ripiena di verdure miste, delle Reginette verdi con sugo di verdure, degli gnocchi con gorgonzola e noci, dei favolosi tortelli di pasta verde ripieni di radicchio e conditi con burro fuso, ricotta affumicata e semi di papavero. Anche le paste sono tutte fresche e preparate il giorno stesso.

Entrambe le cene si sono concluse con una carrellata di ottimi dolci, tra i più buoni segnalo la crostata e la cheescake.

La cantina, pur non essendo vastissima, comprende delle etichette che personalmente apprezzo molto (Livio Felluga e Bosco del Merlo). Se siete indecisi, chiedete consiglio al gentilissimo Roberto che vi saprà certamente indicare il miglior vino da abbinare ai piatti.

Prezzo più che buono: dai 20 ai 30 euro per antipasto, primo, contorno di verdure, dolce e vino.   

Indirizzo: Via Sant’ Antonio, 6, Ottava Presa (Ve)
Telefono: 042188367

Sito Internet di Cà Alleata

TRATTORIA AFRICA – VENEZIA (LIDO)

Trattoria Africa

Avete in programma qualche giorno alla Mostra del Cinema di Venezia? Io sono già qui e, dopo tanti panini e insalate consumate velocemente nei chioschetti, sono riuscita a trovare un ristorante con un buon menù vegetariano.

La trattoria Africa è posizionata vicino all’imbarcadero di Santa Maria Elisabetta, tipica veneziana e poco frequentata dai turisti. Tra i primi, il più interessante è certamente il piatto di fagottini ripieni di robiola e pere conditi con burro fuso e ricotta affumicata. Sublimi! Essendo la porzione abbondante, ho poi assaggiato soltanto un piatto di verdure cotte (melanzane al funghetto, spinaci saltati in padella e zucchine). Nel menù sono presenti anche una pasta condita con salsa di rucola, e una con il radicchio di Treviso, entrambe ideali per i vegani.

Non dimenticate di lasciare un po’ di spazio per il tiramisù preparato ogni giorno dal cuoco (che è anche il proprietario del locale). Davvero eccezionale.

Scegliendo il vino della casa, ve la potete cavare con 20-25 euro.

Indirizzo: Via Lazzaro Mocenigo, 9 - 30126 Venezia
Telefono: 041 5260186 (durante la Mostra è indispensabile la prenotazione)

LA VERA TERRA – TREVISO

La Vera Terra

UPDATE: PARE IL CHE IL RISTORANTE ABBIA CHIUSO

La Vera Terra si trova in centro a Treviso in un ampissimo spazio suddiviso in due locali:  il bio ristorante con annesso il bar e un negozio di soli prodotti biologici; è il classico locale che può accontentare tutti i fanatici del Bio ed è sicuramente un punto di riferimento per tutti i vegetariani e vegani della zona.

Sabato sera ho provato la cucina del ristorante che oltre ai numerosi piatti vegetariani e vegani espressamente indicati nel menù e segnalati con un codice colore ha deciso di proporre anche ricette a base di carne e pesce; mi dice a fine serata il gestore che “non gli piacciono gli estremismi” e che quindi ha preferito preparare un menù eterogeneo.

Veniamo a quello che ho assaggiato.

Come antipasto una quiche vegana ai fagiolini e patate servita con insalata di pomodorini e tofu. Niente male per quanto riguarda il gusto e l’abbinamento degli ingredienti mentre se vogliamo fare un confronto con la quiche tradizionale preparata con panna, quest’ultima ha sicuramente il vantaggio di essere più morbida e meno asciutta della sua versione veg.
Ottime e profumate le tagliatelle (di Kamut ?) al tartufo nero.
Per secondo ho optato per le scaloppine di seitan aromatizzate all’arancio naturale e timo fresco. Buono l’accostamento del seitan all’arancio, proverò a ripeterlo anche a casa. Ho concluso la cena con un tortino vegano di carote e confettura di agrumi sensazionale. Scelta che si è rilevata ottima!
Vino Sauvignon della cantina veneta “Bosco del Merlo”.

Prezzo per persona 35 euro.
Indirizzo: Via Girolamo da Treviso, 5, 31100 Treviso
Telefono: 0422-410128
Sito internet

BASILICO 13 – TREVISO

Basilico 13

Basilico 13 è uno di quei locali che mai ti aspetteresti di trovare in una cittadina come Treviso, la quale si è sempre dimostrata attaccata alla tradizione veneta.
Sofisticato ma allo stesso tempo confortevole sono i primi due aggettivi che mi sono venuti in mente mentre occupavo i minuti che mi separavano dalla cena bevendo un bicchiere di Gewurztraminer offerto assieme a pizza e patatine fritte fatte in casa. Sofisticato per via del total bianco degli interni, per la cura estrema dell’arredamento e l’eleganza del personale. Confortevole perchè all’interno è presente una zona salotto, nella quale accomodati in un gigantesco divano, è possibile ascoltare ottima musica (da Lykke Li a Jens Lekman), navigare in internet gratuitamente o leggere una rivista.

Basilico 13 è aperto dal mattino per le colazioni alla sera per i cocktails, mentre nel pomeriggio pare doveroso – vista la quantità di frutta esposta al bancone – dissetarsi con un centrifugato preparato al momento. La filosofia addottata, vuole che tutti i prodotti utilizzati siano provenienti da agricultura biologica e, dove possibile, a km0.

Il menù della cena è vario e prevede sia piatti vegetariani che vegani (segnalati con un asterisco).
Io ho degustato un buonissimo hummus di ceci con pane carasau, delle tagliatelle di farro con verdure di stagione e avocado, un seitan di farro arrosto (morbido e saporito!) e come dolce una panna cotta ricoperta di frutti di bosco. Molto sfiziose anche le focaccine prodotte in casa che vengono servite al posto del pane.
E’ la prima volta che in Veneto trovo un ristorante che propone dei piatti a base di seitan e mi auguro che Basilico 13 non sia l’ultimo, ma che anzi, visto il successo ottenuto, venga preso da esempio da altri locali della zona.

Il prezzo della cena non è stato molto economico. Di quanto scritto qui sopra +  un primo piatto non vegetariano + una crema catalana + tre bicchieri di vino 78 euro.


Indirizzo:  Piazza San Vito, 13, 31100 – Treviso (TV)
Telefono: 0422.549789
Chiuso il lunedì

OSTERIA LA ZUCCA – VENEZIA

Osteria La Zucca

Uno dei miei posti preferiti di sempre.

Qualora decidiate di andare a Venezia, il primo consiglio che mi sento di darvi  è di prenotare, con almeno due giorni di anticipo, un pranzo o una cena all’Osteria La Zucca. E se magari capitate nel meraviglioso capoluogo veneto durante l’estate, chiedete il tavolo fuori! La prenotazione è necessaria dato che complessivamente i posti a sedere sono davvero pochi: 12 all’esterno e circa 35 all’interno.
Pur non essendo un ristorante vegetariano, è l’unico a Venezia che presenta un menù vario e con molti piatti a base di verdure: imperdibile il flan di zucca, lo sformato di patate e broccoli con ricotta affumicata e la lasagna vegetariana.

L’ultima volta che ci sono andata ho anche mangiato un buonissimo avocado condito con salsa vinaigrette e olive nere. Se non avete voglia di antipasti potete scegliere il piatto unico, solitamente è a base di cous cous o riso -venere o basmati- accompagnato da verdure di stagione che consiglio di ordinare anche come piatto unico se non si è molto affamati.

I prezzi sono medio-alti: una cena completa va dai 35 ai 40 euro. Mentre se prendete un solo piatto più dolce, ve la potete cavare con circa 20 euro.

Indirizzo: Santa Croce 1762, 30135 Venezia (VE)
Orari di apertura: dal lunedì al sabato
pranzo: dalle 12.30 alle 14.30
cena: dalle 19.00 alle 22.3
0

Telefono: 0415241570

AGRITURISMO FATTORIA AI CANARINI – FOSSALTA DI PIAVE (VE)

Agriturismo Fattoria ai Canarini

E’ stata una piacevole sorpresa scoprire che vicino a casa, dove praticamente esistono solo ristoranti di pesce, il Sig. Giampietro Zaramella ha aperto, in uno splendido casolare in mezzo alla campagna veneziana, una fattoria con cucina interamente vegetariana.

Nel locale, che apre solo nei week end, e dove è assolutamente obbligatatoria la prenotazione, il menù è unico e la cena inizia per tutti alle 20.30. L’ambiente è arredato con gusto e con particolare attenzione ai dettagli tipici della tradizione contadina veneta.
I piatti variano a seconda della stagione e quasi tutti gli ingredienti sono prodotti direttamente dall’agriturismo che, tra le altre cose, è rivenditore di vino, ortaggi, farina ed uova.

Ecco il menù dell’ultima volta che ci sono andata:

Antipasti
Carpaccio di melone su letto di rucola condito con olio non filtrato del Garda, servito con una spolverata di scaglie di Montasio (un accostamento insolito ma davvero azzeccato)
Tempura croccante di mazzetti di prezzemolo, salvia e “calamarini” di cipolla
Crostini di pane prodotto in casa in due varianti: con caponata su ricotta di pecora; e con listarelle di zucchine e menta su Brie rosolato al forno.

Primo
Risotto all’onda di pomodorini ciliegini e fontina. Il riso utilizzato è il Vialone Nano dell’azienda agricola Marangon di Rovigo.

Secondo
Bauletto di sfoglia ripieno di carciofi su fonduta di Casatella del Piave con crema di basilico

Dolci
Crostatina con marmellata di albicocche e mele fresche
Tortino di mandorle su crema pasticcera di limone
e per finire il caffè fatto con la moka

Nei contenutissimi 25 euro del menù sono comprese anche alcune bevande da spillare autonomamente (vino bianco e rosso della casa e acqua). Se però siete soliti bevitori di buon vino vi consiglio di optare per una bottiglia.

Indirizzo: Via della Favorita, 5. 30020 Fossalta di Piave (Venezia)
Tel. 0421 67582

Solo su prenotazione