ZOE FOOD – TRIESTE

Zoe Food

Zoe Food è, come scritto nel suo sito, il primo Fast Good a Trieste: tutto quello che mangerete qui dev’essere buono e soprattutto sano. Questo paradiso biologico si trova a Cittadella, quartiere tranquillo e centrale della città e, nonostante da fuori si noti a fatica e potrebbe sembrare persino chiuso – data la luce suffusa usata all’interno –, vi assicuriamo che è quasi sempre aperto. Nella scelta dei materiali che formano il bell’arredamento prevalgono il legno e le tinte tenui, che danno al locale un’atmosfera rilassante e molto accogliente. Ci sono una decina di tavolini ordinati nella saletta di medie dimensioni con cucina a vista, la quale è sempre tanto apprezzata, almeno da me. Il bancone, su cui sono esposti i dolci (cupcakes, torte vegane…) offre a sua volta alcuni posti a sedere ed è anche l’unico angolo utile per richiedere le ordinazioni. A farvi da guida, appesa al muro, l’immancabile lavagna in cui sono riportati tutti i piatti.

Il menù è vasto e comprende sia le pietanze del giorno che le proposte base; non è strettamente vegetariano, contemplando anche qualche piatto a base di carne, ma è sicuramente in grado di soddisfare ampiamente tutti i palati. A qualsiasi ora del giorno è infatti possibile ordinare centrifugati, bagels, uova strapazzate, club sandwich vegetariani, noodles con muscolo di grano o tofu, torte vegane e insalate.

All’interno del locale c’è anche una piccola area shop dove si trovavo vini biologici, seitan, tofu, cibi per celiaci, muscolo di grano, snack vegani e molto altro.

Noi abbiamo assaggiato un club sandwich vegetariano (preparato con pomodoro, insalata, uovo, zucchine grigliate e un inedito, ma gustosissimo, broccolo) servito con insalatina di cavolo cappuccio e hummus, un bagel con crema di formaggio, insalata e uova, un centrifugato di cannella, arancia e carota, una deliziosa torta vegana cocco e cioccolato e un cupcake al gusto di vaniglia. Piacevole vedere che esiste l’opzione vegana per diverse portate e che il personale gentilmente la propone al cliente.

I prezzi sono nella media: centrifugati 3.50, club sandwich 7 euro, cupcakes 2.5, torta vegana del giorno 4-5 euro.

Un must per ogni vegetariano e vegano che passa per Trieste!

Indirizzo: Via Felice Venezian, 24  34124 Trieste
Telefono: 040 2460420
Aperto tutti i giorni dalle 8 alle 22.00 e domenica dalle 10 alle 15.00 per il brunch.
Sito internet di Zoe Food 

FESTIVAL VEGETARIANO – GORIZIA

Domenica 4 settembre la città di Gorizia si appresta ad ospitare la seconda edizione del Festival Vegetariano.

Dalle 10 alle 20, presso la sede di Biolab (via del Montesanto 131/10), tra dibattiti, degustazioni, eventi e approfondimenti, sarà possibile togliersi qualche dubbio sul mondo veg, farne la sua conoscenza e scoprire tutti i suoi aspetti.

Questo il comunicato stampa:

“L’Italia è il paese con il maggior numero di vegetariani in Europa (circa 7 milioni secondo le stime dell’Unione vegetariana europea nel 2010) ed il loro numero è in continuo aumento: a partire da questo dato e sull’onda del successo della prima edizione, a Gorizia domenica 4 settembre, si svolgerà il secondo Festival Vegetariano. Una giornata intera dedicata alla gastronomia, alla cultura e alla filosofia vegetariana, organizzata da Biolab – azienda di Gorizia, specializzata nella produzione di alimenti biologici per vegetariani – in collaborazione con Ecor e le reti di negozi biologici Cuorebio e NaturaSì e con il patrocinio della Provincia e del Comune di Gorizia. Oltre a chi ha già scelto di rinunciare alla carne (o in genere ai prodotti derivati dagli animali), la manifestazione è dedicata a chiunque desideri saperne di più sullo stile di vita vegetariano.

Il numero dei vegetariani nel nostro Paese è in crescita – spiega Massimo Santinelli, presidente di Biolab – e sono sempre di più anche le persone che riducono il consumo di carne per ragioni etiche o per convinzioni salutistiche. Ma il nostro invito è rivolto anche a coloro che considerano l‘alimentazione vegetariana qualcosa di ‘triste’, con gusti e sapori limitati: che provino le specialità dei nostri chef al Festival. Si convinceranno del contrario”. Durante la giornata, ci sarà l’opportunità di approfondire lo stile di vita “veg”, attraverso gli incontri con esperti, medici, scrittori e sostenitori della cultura vegetariana; di gustare vere prelibatezze, grazie ai vari stand gastronomici e ad un menu cento per cento vegetariano messo a punto da raffinati chef per l’occasione; di divertirsi, con le animazioni pensate per i più piccoli: dai giochi, agli spettacoli di artisti di strada , giocolieri equilibristi e cantastorie.
Insomma, Gorizia si prepara ad ospitare un’autentica festa all’insegna del vegetarismo, dove non mancheranno bancarelle, banchetti informativi e musica dal vivo e perfino un gruppo di aquilonisti che intratterranno i bambini con loro spettacolari aquiloni (i “Vole Alt” di Udine). Un modo per ribadire il messaggio chiave promosso dagli organizzatori: “Chi sceglie di non mangiare carne (ma anche latte o uova, se è vegano) non vive questa condizione come una rinuncia, ma come un modo per vivere meglio”.
1.    Gli ospiti di quest’anno, per l’area culturale, saranno la punta di diamante del Festival:
•    L’associazione Sea Shepherd (a tutela degli oceani) presenterà un documentario e richiamerà l’attenzione sui pericoli in cui versano i nostri mari
•    Mario Tozzi, noto giornalista ambientale e conduttore televisivo sarà invece il protagonista di un forum di discussione tra medici e giornalisti sul vegetarismo: Tozzi, che è vegetariano, parlerà dell’impatto ambientale dovuto al consumo della carne. Il tutto presentato dal giornalista Stefano Momentè, fondatore e presidente dell’associazione VeganItalia e autore del libro Né di carne né di pesce. Manuale del perfetto vegetariano”.

E’ gradita la conferma della propria presenza via telefono o via sms (cell. 338 2722331), nel sito www.festivalvegetariano.it, tramite e-mail a info@festivalvegetariano.it; via fax al numero 0481 530387.

La pagina Facebook dell’evento è questa.

Noi purtroppo non ci saremo ma voi cercati di esserci!

TRATTORIA SALE E PEPE – STREGNA (UD)

Marianna ci segnala questa trattoria della provincia udinese già premiata per il suo prestigio da un articolo sul Venerdì di Repubblica.
Per raggiungerla bisogna recarsi a Stregna, un piccolo paesino nel mezzo delle Valli del Natisone dove regnano solo pace e tranquillità.
Il locale che dall’esterno appare piuttosto semplice (occhio! non è facile da trovare), all’interno è curato e accogliente; il personale gentilissimo.
Il menù presenta un ottimo bilanciamento tra piatti vegetariani e non. Veniamo alla descrizione del menù vegetariano:

Antipasti: tortino di erbette con fonduta di formaggio, asparagi da terra con uova grattugiate e contorno di patate bollite e asparagi.
Primi piatti: ravioli di patate a forma di fiore ripieni di ricotta, limone e zucchine con burro fuso e timo; un tortino di pane servito in una ciotola di terracotta con verdure miste.
Dolci: crostata ai frutti di bosco fatta in casa
2 litri di acqua, 2 caffè per un totale di 35 auro a testa.

Indirizzo: Via Capoluogo n.19, Stregna (UD)
Tel. 0432 724118
Chiuso il martedì e il mercoledì (consigliata la prenotazione)

Grazie a Marianna per la segnalazione, non vedo l’ora di andarci!

RISTORANTE DA JULIA – ERTO (PN)

Da Julia

Gitarella domenicale in montagna, andiamo ad Erto, in Valcellina!

Erto è un paesino di montagna che si trova nella valle del Vajont; nel 1963 proprio la catastrofe del Vajont distrugge quasi interamente i borghetti del paese provocando l’immediata evacuazione di tutti gli abitanti.
Attualmente esiste un Erto alta abitata da qualche centinaio di persone tra le quali il famoso Mauro Corona.

Consigliati da degli amici della zona decidiamo di provare il ristorante a conduzione familiare Julia:
la prima impressione è ottima, il personale gentilissimo ci fa accomodare in uno dei pochi tavoli (una decina) della saletta, la quale è caraterizzata da un enorme stube e dall’esposizione fotografica del Vajont e delle montagne del circondario.

Il menù proposto è strettamente legato alla tradizione locale (quindi molta selvaggina) ma nessun problema per i vegetariani che possono contare su dei piatti personalizzati.

Vini assaggiati:
mi sembra fossero entrambi della casa
Friulano (l’ex Tocai)
Cabernet

Piatti:
Antipasto – Asparagi, polentina aromatizzata e fonduta di Montasio (formaggio prodotto in zona)
Primo – Gnocchi fatti in casa con burro fuso e ricotta affumicata
Secondo – Frico Un piatto obbligatorio da mangiare in friuli. Questo era ottimo! con crosticina esterna e dentro morbido
Dolce – Una crema di ricotta con mousse di fragole

Tutto veramente squisito, soprattutto la crema di ricotta.

Nota simpatica: mentre pranzavo è arrivato proprio Mauro Corona a bersi il caffè.

Indirizzo: Via Ix ottobre, 32  Erto e Casso
Telefono: 0427 879080

AGRITURISMO PODERE DELL’ANGELO – VISINALE DI PASIANO (PN)

Podere dell’Angelo

Podere dell’Angelo è un agriturismo ma anche un hotel con centro benessere e pista di volo per ultraleggeri immerso nella campagna pordenonese.
Il locale si presenta curato ed elegante, con uno stile forse un po’ troppo asettico per un agriturismo. La sala ristorante essendo molto spaziosa è ideale anche per cene di gruppo o banchetti di vario tipo.

La cucina propone piatti tradizionali friulani, durante la prenotazione mi ero accertata che il menù avesse anche dei piatti vegetariani.

In due abbiamo preso:
2 Tortini di asparagi su vellutata di formaggi
Frico (il piatto originale del menù ha anche la Sopressa, ma ho chiesto di toglierla)
Cjarsons (dei ravioli ripieni di fichi conditi con burro e ricotta affumicata)
Tiramisù
Millefoglie con gelato alla vaniglia e frutti di bosco
1/2 Vino della casa Cabernet Franc
1/4 Moscato
1 L Acqua
1 Caffè
Spesa totale: 52.50 euro in due
Ottima qualità prezzo e servizio cortese e veloce (anche troppo, dopo un’ora avevamo già terminato la cena). Conto di ritornarci d’estate per vedere gli allestimenti esterni.

Indirizzo:
Via Frascade, 30
33087 Visinale di Pasiano (Pordenone)

Tel. +39 0434 620672
Sito di Podere dell’Angelo (dov’è possibile consultare anche i prezzi dell’hotel – 70 euro una doppia – e del centro benessere)

(chiuso il lunedì)