I RISTORANTI VEGETARIANI DI BOLOGNA

V per Vegetariano

Ricordo che i primi anni di università a Bologna non c’erano molti posti vegetariani , o forse da classica studente squattrinata, non mi ero nemmeno preoccupata di cercarne. Unica certezza adatta alle mie tasche era il Punto Macrobiotico di Via Tiarini, dove per 3 euro ti davano un pasto completo che consisteva – e penso sia ancora così- in una zuppa e un piatto unico misto.

Al macrobiotico dovevi finire tutto quello che avevi nel piatto, altrimenti ti beccavi una bella ramanzina. Ricordo ancora che qualche vecchietta teneva un tupperware nascosto sotto la tovaglia e ci metteva il cibo che non riusciva a mangiare. Io stessa cercavo di disporre gli avanzi nel piatto in modo che non sembrassero tanti. “Sembrano meno se divisi e spostati ai margini, o meglio fare dei grumetti e posizionarli nel centro?” Era vietato l’uso del cellulare e di qualsiasi tecnologia, per cui c’era molto tempo per pensare a queste strategie.

Gli altri ristoranti di quegli anni erano il Clorofilla, tutt’ora aperto, anzi, dovrei passare a vedere com’è, e il Centro Natura, che non ho mai amato. L’Estravagario l’ho scoperto quando ormai mi stavo laureando.

Ora le cose sono molto cambiate, prima di tutto io ho qualche soldo in più e, per mia gioia, a Bologna sono nati tantissimi nuovi posticini.

Ecco una breve guida - per tutti i gusti, per tutte le tasche - dei ristoranti che mi piacciono e che fanno cucina vegetariana a Bologna:

Clorofilla (Strada Maggiore n. 64): menù del giorno, piatti unici vegetariani e vegani. Servono anche pesce. Dai 10 ai 20 euro.

Estravagario (Via Mascarella 81): menù del giorno, piatti unici vegetariani e vegani. Aperto a pranzo dal lunedì al venerdì. Nel week end, oltre al brunch, fanno le cene con menù alla carta. Dai 10 ai 20 euro. Recensione

Zenzero (Via Fratelli Rosselli 18/b): a pranzo menù ridotto (8 euro 2 pietanze, 9 euro 3 pietanze), di sera menù alla carta. Utilizzano cibo biologico e spesso a km0. Servono anche carne. A pranzo dagli 8 ai 13 uro, a cena dai 15 ai 35 euro. Consigliata la prenotazione. Recensione

Cibosano (Via Nicolò dall’Arca 44/d): gastronomia d’asporto. Fanno sia dolci che piatti salati (lasagne veg, cous cous, crocchette..). Dai 7 ai 15 euro.

Cibosano fornisce anche la Vineria Accà (Via Nazario Sauro 19/a) che a pranzo e cena propone delle tapas vegetariane e vegane. Dai 7 ai 15 euro.

Zoo (Strada Maggiore 50/a): dolci, buns, bagels vegetariani e vegani con ingredienti stagionali. Brunch nel week end. Dai 6 ai 20 euro. Consigliata la prenotazione per il brunch.

Cento3cento veg (via Centotrecento 12/a): veg burgers, panini vegani e vegetariani. Ampia scelta di condimenti. Ingredienti biologici. Da asporto. Dai 6 ai 15 euro.

Punto Macrobiotico (Via Tiarini 1): cucina macrobiotica. Piatti vegani misti.  Dai 4 (studenti, minori di 26 anni, ai 15 euro). Serve la tessera.

Fram (via Rialto n. 22): recentemente rinnovato. Ora la cucina è esclusivamente vegetariana e vegana. Dalla colazione all’aperitivo. Piatti misti, burger, panini, torte salate. Ingredienti biologici, alcuni piatti raw. Dai 6 ai 15 euro. Recensione prima del rinnovo.

Pane e Panelle (Via San Vitale n.71): ristorante (fanno anche pesce) che propone ogni giorno piatti vegetariani e vegani. Primi piatti stagionali e secondi a base di verdure, seitan e formaggi. A pranzo si può scegliere il menù a prezzo fisso. Dai 12 ai 35 euro. Recensione

Maichan, Dim Sum (Via Ugo Bassi 23, dentro al Mercato delle Erbe): piccolo take away specializzato in dumplings, i ravioli cinesi. Sempre presenti quelli di fave e cicoria, al seitan e alle verdure e tofu. Dai 4 ai 10 euro.